Pedagogia e globalizzazione: un falso problema?