Le erosioni silenziose del contraddittorio