Nullo Pirazzoli, Il restauro filologico: quale eredità?