La riflessione di Abelardo inaugura una nuova concezione del piacere, che non si identifica più col peccato ma con una attitudine naturale. Dalla fine del XII secolo nuove fonti confermano questa idea del piacere come 'affezione', che svolge un ruolo centrale all'interno di sistemi sempre più complessi di passioni dell'anima.

Il piacere da Abelardo a Tommaso

VECCHIO, Silvana
2009

Abstract

La riflessione di Abelardo inaugura una nuova concezione del piacere, che non si identifica più col peccato ma con una attitudine naturale. Dalla fine del XII secolo nuove fonti confermano questa idea del piacere come 'affezione', che svolge un ruolo centrale all'interno di sistemi sempre più complessi di passioni dell'anima.
9788884503251
Piacere; passioni; Medioevo; Abelardo; Tommaso d'Aquino
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/536205
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact