Teca lignea bivalve, di raffinata ed elaborata fattura, che fu realizzata da bottega romana nel sec. XVIII. Consiste di un mobile, stile Luigi XV, a due valve. La superfcie del coperchio a finto marmo, è decorata con la riproduzione di porfido rosso d'Egitto incorniciato con motivi di oficalcite, e rifinita da un bordino in oro zecchino. Il tutto è impreziosito dal decoro in oro dello stemma cardinalizio e dall'iscrizione dedicatoria: "Lithotecam-Picturae et Architecturae - Commodo et incremento - Johannes Maria Riminaldus Ferrariensis - Sai. Palatii St. Litibus ludicandis XII Vir - Museo patrio - DDD Anno Domini DCCLXIII". All'interno è realizzata una mostra di marmi antichi, costituita da intarsi di materiali lapidei, rigorosamente classificati. La teca poggia su basi leonine in bronzo dorato, e l'apertura è regolata da cerniere in metallo che accordano le sagome a "commode". La valva sommatale presenta la produzione lapidea romana, la valva inferiore è impreziosita da reperti di scavo e pietre dure, rocce destinate ad uso limitato per la rarità degli affioramenti o difficoltà di rinvenire giacimenti di estensione sufficiente alla realizzazione di lapidei. Donata dal Cardinale Riminaldi nel 1763 al Museo Cittadino.

Litoteca

VACCARO, Carmela
2006

Abstract

Teca lignea bivalve, di raffinata ed elaborata fattura, che fu realizzata da bottega romana nel sec. XVIII. Consiste di un mobile, stile Luigi XV, a due valve. La superfcie del coperchio a finto marmo, è decorata con la riproduzione di porfido rosso d'Egitto incorniciato con motivi di oficalcite, e rifinita da un bordino in oro zecchino. Il tutto è impreziosito dal decoro in oro dello stemma cardinalizio e dall'iscrizione dedicatoria: "Lithotecam-Picturae et Architecturae - Commodo et incremento - Johannes Maria Riminaldus Ferrariensis - Sai. Palatii St. Litibus ludicandis XII Vir - Museo patrio - DDD Anno Domini DCCLXIII". All'interno è realizzata una mostra di marmi antichi, costituita da intarsi di materiali lapidei, rigorosamente classificati. La teca poggia su basi leonine in bronzo dorato, e l'apertura è regolata da cerniere in metallo che accordano le sagome a "commode". La valva sommatale presenta la produzione lapidea romana, la valva inferiore è impreziosita da reperti di scavo e pietre dure, rocce destinate ad uso limitato per la rarità degli affioramenti o difficoltà di rinvenire giacimenti di estensione sufficiente alla realizzazione di lapidei. Donata dal Cardinale Riminaldi nel 1763 al Museo Cittadino.
9788880167211
Catalogo; Riminaldi; intarsi lapidei; classificazione; sec. XVIII
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/534517
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact