La problematica del "setting" psicologico nel trattamento del tossicodipendente