Disagio e marginalità nella letteratura giovanile