Lo spazio interno come spazio architettato