Il contributo cerca di porre l'attenzione sul fatto che non è assolutamente sufficiente e metodologicamente corretto inserire semplicemente impianti ad alto rendimento in involucri ad elevata efficienza, ma che occorre sfruttare l'opportunità di rendere i primi parte dell’Organismo edilizio e capaci di coadiuvarne il “metabolismo” complesso e mutevole. Di non far percepire cioè l’impianto come corpo estraneo, ma come sottosistema indispensabile e perfettamente integrato nel tessuto epidermico e profondo, come pure nello scheletro della costruzione. Così facendo le soluzioni "passive" dell’involucro e le soluzioni "attive" delle tecnologie impiantistiche potranno produrre realmente soluzioni architettoniche con obiettivi tecnico-morfologici innovativi ed efficienti e con un'espressività densa di suggestione. Il saggio, accompagnato da una serie di progetti inerenti il tema affrontato, contiene inoltre una breve repertorizzazione di approfondimento dei sistemi impiantistici introdotti nella trattazione. I topics affrontati, dopo l'inquadramento iniziale, sono: i sistemi radianti; lo sfruttamento delle energie rinnovabili come dialogo fra sistemi attivi e sistemi passivi; i sistemi complessi di impianti integrati; i combustibili alternativi e le nuove esigenze logistiche; la dialettica fra centralizzazione e decentralizzazione; l'evoluzione normativa; schede di approfondimento delle principali tipologie impiantistiche introdotte.

Nuovi rapporti simbiotici per l’integrazione “virtuosa” fra costruzione ed impianti

DAVOLI, Pietromaria
2008

Abstract

Il contributo cerca di porre l'attenzione sul fatto che non è assolutamente sufficiente e metodologicamente corretto inserire semplicemente impianti ad alto rendimento in involucri ad elevata efficienza, ma che occorre sfruttare l'opportunità di rendere i primi parte dell’Organismo edilizio e capaci di coadiuvarne il “metabolismo” complesso e mutevole. Di non far percepire cioè l’impianto come corpo estraneo, ma come sottosistema indispensabile e perfettamente integrato nel tessuto epidermico e profondo, come pure nello scheletro della costruzione. Così facendo le soluzioni "passive" dell’involucro e le soluzioni "attive" delle tecnologie impiantistiche potranno produrre realmente soluzioni architettoniche con obiettivi tecnico-morfologici innovativi ed efficienti e con un'espressività densa di suggestione. Il saggio, accompagnato da una serie di progetti inerenti il tema affrontato, contiene inoltre una breve repertorizzazione di approfondimento dei sistemi impiantistici introdotti nella trattazione. I topics affrontati, dopo l'inquadramento iniziale, sono: i sistemi radianti; lo sfruttamento delle energie rinnovabili come dialogo fra sistemi attivi e sistemi passivi; i sistemi complessi di impianti integrati; i combustibili alternativi e le nuove esigenze logistiche; la dialettica fra centralizzazione e decentralizzazione; l'evoluzione normativa; schede di approfondimento delle principali tipologie impiantistiche introdotte.
9788871432915
progettazione sostenibile; integrazione impiantistica; sostenibilità ambientale; efficienza energetica; innovazione tecnologica; riqualificazione energetico-ambientale; energy retrofit
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/533826
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact