Il libro propone una rilettura delle fonti giuridiche relative alla morte volontaria, nel quadro delle concezioni proprie della mentalità antica in materia. I temi trattti sono: 1) il suicidio degli accusati prima della sentenza; 2) il suicidio dei soldati; 3) il suicidio degli schiavi; 4) il suicidio per impiccagione ed infine, 5) la così detta ‘libera facoltà di morte’. In conclusione, si accede alla tesi che mai, il diritto, abbia sanzionato il così detto ‘suicidio in sé’, anche dopo l’avvento del cristianesimo.

Il suicidio. Studi di diritto romano

MANFREDINI, Arrigo
2008

Abstract

Il libro propone una rilettura delle fonti giuridiche relative alla morte volontaria, nel quadro delle concezioni proprie della mentalità antica in materia. I temi trattti sono: 1) il suicidio degli accusati prima della sentenza; 2) il suicidio dei soldati; 3) il suicidio degli schiavi; 4) il suicidio per impiccagione ed infine, 5) la così detta ‘libera facoltà di morte’. In conclusione, si accede alla tesi che mai, il diritto, abbia sanzionato il così detto ‘suicidio in sé’, anche dopo l’avvento del cristianesimo.
9788834886953
Suicidio; diritto romano
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/533696
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact