Il volume tratta di un aspetto particolare della tradizione estetica nel Rinascimento. Ha inteso analizzare i motivi e i temi delle caratteristiche di questo periodo in un contesto storico. Questa visione desueta permette così di valutare non solo i canoni del mondo classico attraverso un vivace confronto con la realtà contemporanea, ma anche di individuare aporie e contraddizioni dell’idea di ‘armonia’, considerata la categoria più significativa del periodo. A tal fine sono stati percorsi itinerari che permetttono di chiarire il significato e l’apprezzamento del ruinismo e persino del richiamo all’orrido ed agli aspetti raccapriccianti della sfera ‘demoniaca’, stregonesca e astrologica. Sono così stati messi in risalto l’affollarsi dei motivi che hanno costituito l’idea del ‘bello’ e dell’‘armonia attraverso uno scavo che intreccia spetti filosofici, letterari, religiosi ed artistici. Sono dunque stati analizzati i temi più significativi che tracciano la necessità, per gli ‘intellettuali’ del Rinascimento, di ripercorrere criticamente il mondo classico ma con rimandi anche a quello ‘barbarico’, arrivando a ‘costruire’ una realtà nuova e pulsante che, pur non sottraendosi dalla tradizione classica, dava vita a qualcosa di nuovo e duraturo. L’intreccio tra musica, danza, filosofia, letteratura, arti figurative e persino la scelta di nuovi modelli di scrittura indica al lettore la cultura del periodo, basata su una nuova ‘paideia’ costituisca l’eccellenza di un momento in cui persino lo ‘stile di vita’ è basato sull’esperienza del passato ed ove le aporie dei ‘notturnismo’ costituiscono non il limite alla realtà, ma un indagine verso il diverso.

Η Αισθητικη τηζ Αυαγευυησμζ

CASTELLI, Patrizia
2008

Abstract

Il volume tratta di un aspetto particolare della tradizione estetica nel Rinascimento. Ha inteso analizzare i motivi e i temi delle caratteristiche di questo periodo in un contesto storico. Questa visione desueta permette così di valutare non solo i canoni del mondo classico attraverso un vivace confronto con la realtà contemporanea, ma anche di individuare aporie e contraddizioni dell’idea di ‘armonia’, considerata la categoria più significativa del periodo. A tal fine sono stati percorsi itinerari che permetttono di chiarire il significato e l’apprezzamento del ruinismo e persino del richiamo all’orrido ed agli aspetti raccapriccianti della sfera ‘demoniaca’, stregonesca e astrologica. Sono così stati messi in risalto l’affollarsi dei motivi che hanno costituito l’idea del ‘bello’ e dell’‘armonia attraverso uno scavo che intreccia spetti filosofici, letterari, religiosi ed artistici. Sono dunque stati analizzati i temi più significativi che tracciano la necessità, per gli ‘intellettuali’ del Rinascimento, di ripercorrere criticamente il mondo classico ma con rimandi anche a quello ‘barbarico’, arrivando a ‘costruire’ una realtà nuova e pulsante che, pur non sottraendosi dalla tradizione classica, dava vita a qualcosa di nuovo e duraturo. L’intreccio tra musica, danza, filosofia, letteratura, arti figurative e persino la scelta di nuovi modelli di scrittura indica al lettore la cultura del periodo, basata su una nuova ‘paideia’ costituisca l’eccellenza di un momento in cui persino lo ‘stile di vita’ è basato sull’esperienza del passato ed ove le aporie dei ‘notturnismo’ costituiscono non il limite alla realtà, ma un indagine verso il diverso.
9789608354777
Estetica; Umanesimo; Rinascimento; tattatistica d'arte; ermetismo; rovine; stregoneia; demoni; mostri; astrologia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/533640
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact