Una scelta ‘tridentina’: la decorazione della ‘Residenza dei Riformatori’