Fra «vita nova» e «passato augusto»: «Maia» o il paradosso della modernità