Il viaggio immobile: d’Annunzio e la genesi di «Maia»