Gli studi condotti e in atto, finalizzati al restauro della produzione architettonica e artistica novecentesca, inclusi gli interventi di restauro eseguiti nel medesimo periodo, rendono sempre più evidenti le specificità legate alla tutela e valorizzazione di questo patrimonio. Ne deriva non solo la necessità di approfondire la cultura architettonica del XX secolo, nei diversi aspetti legati alla produzione di materiali, all'impiego di tecniche e di linguaggi peculiari, ma anche di rinnovare le attuali metodologie di indagine, di intervento e gli strumenti normativi, attraverso i quali la salvaguardia di questa memoria storica si rende possibile. Il caso portato, relativo al restauro della sala concerti annessa al Conservatorio "Girolamo Frescobaldi" di Ferrara, è divenuto, in tale contesto, il punto di partenza per l'avvio di una ricerca che tocca un aspetto tanto specifico quanto caratterizzante vasta parte della produzione architettonica e dei restauri novecenteschi, quello della conservazione di materiali contenenti amianto. Su questa particolare categoria di prodotti è emersa infatti la necessità di un'autonoma riflessione all'interno del dibattito sulla tutela dell'architettura moderna e contemporanea, in primo luogo in ragione della quantità e qualità dei manufatti realizzati, e inoltre in ragione dell'evidenziarsi di un vuoto normativo e operativo che di fatto ne ostacolano la conservazione.

Conservare i moderni restauri. Nuovi indirizzi di ricerca per la conservazione dei materiali in cemento-amianto

FABBRI, Rita;RACO, Fabiana
2008

Abstract

Gli studi condotti e in atto, finalizzati al restauro della produzione architettonica e artistica novecentesca, inclusi gli interventi di restauro eseguiti nel medesimo periodo, rendono sempre più evidenti le specificità legate alla tutela e valorizzazione di questo patrimonio. Ne deriva non solo la necessità di approfondire la cultura architettonica del XX secolo, nei diversi aspetti legati alla produzione di materiali, all'impiego di tecniche e di linguaggi peculiari, ma anche di rinnovare le attuali metodologie di indagine, di intervento e gli strumenti normativi, attraverso i quali la salvaguardia di questa memoria storica si rende possibile. Il caso portato, relativo al restauro della sala concerti annessa al Conservatorio "Girolamo Frescobaldi" di Ferrara, è divenuto, in tale contesto, il punto di partenza per l'avvio di una ricerca che tocca un aspetto tanto specifico quanto caratterizzante vasta parte della produzione architettonica e dei restauri novecenteschi, quello della conservazione di materiali contenenti amianto. Su questa particolare categoria di prodotti è emersa infatti la necessità di un'autonoma riflessione all'interno del dibattito sulla tutela dell'architettura moderna e contemporanea, in primo luogo in ragione della quantità e qualità dei manufatti realizzati, e inoltre in ragione dell'evidenziarsi di un vuoto normativo e operativo che di fatto ne ostacolano la conservazione.
9788895409122
restauro; conservazione; architettura moderna; amianto; materiali del moderno; Ferrara; Auditorium Frescobaldi; Carlo Savonuzzi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/532524
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact