Studi recenti mostrano che la negazione del concetto di umanità è presente anche in contesti di vita ordinaria e può essere colto in base all'assegnazione differenziata ad ingroup/outgroup di emozioni secondarie, attributi riferiti a natura/cultura, caratteristiche relative all'unicamente umano/natura umana. In rapporto a tale pervasività, questo studio ha indagato la negazione del concetto di persona a due sottocategorie di donne, ragazze e prostitute, tramite una misura innovativa: il linguaggio degli insulti. A 178 studenti universitari è stata presentata una situazione ipotetica, generata dalla condotta inaspettata e potenzialmente pericolosa di una ragazza vs. prostituta, rispetto alla quale si chiedeva di produrre una lista di insulti. I principali risultati confermano che mentre le prostitute sono maggiormente insultate tramite l'attribuzione di caratteristiche sub-umane o animali e di comportamenti sessuali esagerati, le ragazze sono soprattutto ammonite. Quando le ragazze sono insultate, le offese riguardano in prevalenza la "debolezza" delle loro abilità intellettuali. Tali risultati, le cui implicazioni sono discusse un rapporto agli stereotipi femminili ed ai fenomeni di deumanizzazione , oltre a confermare la pervasività di tali fenomeni, mettono in luce l'efficacia del metodo degli insulti verbali nel veicolare contenuti de-umanizzanti.

Gli insulti verbali: offendono, creditano e deumanizzano

RONCARATI, Alessandra;RAVENNA, Marcella
2007

Abstract

Studi recenti mostrano che la negazione del concetto di umanità è presente anche in contesti di vita ordinaria e può essere colto in base all'assegnazione differenziata ad ingroup/outgroup di emozioni secondarie, attributi riferiti a natura/cultura, caratteristiche relative all'unicamente umano/natura umana. In rapporto a tale pervasività, questo studio ha indagato la negazione del concetto di persona a due sottocategorie di donne, ragazze e prostitute, tramite una misura innovativa: il linguaggio degli insulti. A 178 studenti universitari è stata presentata una situazione ipotetica, generata dalla condotta inaspettata e potenzialmente pericolosa di una ragazza vs. prostituta, rispetto alla quale si chiedeva di produrre una lista di insulti. I principali risultati confermano che mentre le prostitute sono maggiormente insultate tramite l'attribuzione di caratteristiche sub-umane o animali e di comportamenti sessuali esagerati, le ragazze sono soprattutto ammonite. Quando le ragazze sono insultate, le offese riguardano in prevalenza la "debolezza" delle loro abilità intellettuali. Tali risultati, le cui implicazioni sono discusse un rapporto agli stereotipi femminili ed ai fenomeni di deumanizzazione , oltre a confermare la pervasività di tali fenomeni, mettono in luce l'efficacia del metodo degli insulti verbali nel veicolare contenuti de-umanizzanti.
2007
Deumanizzazione; insulti; sottcategorie di donne
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/525948
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact