Nella prospettiva ermeneutica la pratica dei diritti umani è un’esperienza di senso, che incorpora complessi di regole, atteggiamenti, comportamenti, valutazioni, valori e principi e, come tale, essa è indissolubilmente legata all’attività del comprendere, condizionata storicamente e culturalmente dai nostri modi di pensare e riflettere.

B. Pastore, Per un’ermeneutica dei diritti umani

MAESTRI, Enrico
2004

Abstract

Nella prospettiva ermeneutica la pratica dei diritti umani è un’esperienza di senso, che incorpora complessi di regole, atteggiamenti, comportamenti, valutazioni, valori e principi e, come tale, essa è indissolubilmente legata all’attività del comprendere, condizionata storicamente e culturalmente dai nostri modi di pensare e riflettere.
Pluralismo normativo; multiculturalismo; identità; universalità; prospettiva ermeneutica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/522044
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact