L’auditorium Paganini di Renzo Piano a Parma. I prodromi dell’area. Il nuovo segno della “fabbrica del suono” in rapporto alla preesistenza: principi e metodi del progetto di recupero-rifunzionalizzazione. L’essenzialità del layout interno. Precedenti illustri nell’opera di Piano. La sorpresa della mutevolezza. Note conclusive. SCHEDA: SOLUZIONI TECNOLOGICHE FRA EVIDENZA E INTEGRAZIONE. L’intervento di recupero e rifunzionalizzazione del complesso ex Eridania a Parma, profondamente inserito nel parco che lo circonda, propone un delicato, quanto suggestivo, rapporto fra scelte di conservazione della memoria del luogo, di rilettura di uno spazio in rapporto alle nuove esigenze fruitive e funzionali, di conseguente adeguamento dei parametri di vivibilità ambientale attraverso apparati tecnologici in sintonia con lo stile progettuale. L’organismo edilizio che ne scaturisce è una “scatola per la musica” o meglio un “edificio cannocchiale” permeato dal parco: si istaura un dialogo affascinante fra spettacolo musicale e spettacolo naturale. Il linguaggio morfologico e tecnologico è semplice ed elementare (attuato agendo per sottrazione al fine di restituire una percezione immateriale dello spazio), ma al tempo stesso ricco di emozioni.

Intreccio fra musica e parco

DAVOLI, Pietromaria
2006

Abstract

L’auditorium Paganini di Renzo Piano a Parma. I prodromi dell’area. Il nuovo segno della “fabbrica del suono” in rapporto alla preesistenza: principi e metodi del progetto di recupero-rifunzionalizzazione. L’essenzialità del layout interno. Precedenti illustri nell’opera di Piano. La sorpresa della mutevolezza. Note conclusive. SCHEDA: SOLUZIONI TECNOLOGICHE FRA EVIDENZA E INTEGRAZIONE. L’intervento di recupero e rifunzionalizzazione del complesso ex Eridania a Parma, profondamente inserito nel parco che lo circonda, propone un delicato, quanto suggestivo, rapporto fra scelte di conservazione della memoria del luogo, di rilettura di uno spazio in rapporto alle nuove esigenze fruitive e funzionali, di conseguente adeguamento dei parametri di vivibilità ambientale attraverso apparati tecnologici in sintonia con lo stile progettuale. L’organismo edilizio che ne scaturisce è una “scatola per la musica” o meglio un “edificio cannocchiale” permeato dal parco: si istaura un dialogo affascinante fra spettacolo musicale e spettacolo naturale. Il linguaggio morfologico e tecnologico è semplice ed elementare (attuato agendo per sottrazione al fine di restituire una percezione immateriale dello spazio), ma al tempo stesso ricco di emozioni.
2006
Innovazione tecnologica. Recupero edilizio. Riconversione edifici industriali dismessi. Auditorium musicale. Contestualizzazione ambientale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/497308
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact