L’odio è un un’esperienza emozionale negativa presente in modo costante nella storia umana ed estesamente sperimentata dalle persone negli scambi sociali. Solo di recente ed in relazione alla sempre maggiore visibilità delle sue espressioni , sia nei contesti della vita ordinaria, che nei conflitti che interessano numerose aree del mondo, è stata avvertita l’esigenza di studi più sistematici e mirati al riguardo. Scopo del volume è pertanto di delineare le complesse sfaccettature ed articolazioni dell’esperienza psicologica dell’odio: ciò che lo caratterizza, i fattori ed i processi che contribuiscono a generarlo ed a consolidarlo, così come quelli in grado di renderlo estremo, nonché i molti modi in cui esso viene espresso nella vita sociale, sia nei rapporti interpersonali che in quelli che intercorrono fra i gruppi sociali. Proprio a partire da alcune manifestazioni concrete dell’odio in contesti della vita reale, il volume ne delinea le componenti e la natura dinamica così come il ruolo di alcune motivazioni individuali, di specifiche forme di pensiero e dell’adesione a determinate norme sociali nel pro-muoverlo. Ma poiché l’odio non interessa solo i rapporti fra i singoli ma anche quelli fra i gruppi sociali, l’analisi proposta mette innanzitutto in luce che è il legame che si crea fra le specifiche appartenenze degli individui ed i modi in cui essi categorizzano gli altri a generare atteggiamenti ostili e conflitti intergruppi e che sono poi alcuni specifici eventi distali e prossimali ad innescare quell’escalation che può tradursi in azioni distruttive. Il volume mostra che l’odio non è un fenomeno irrazionale ed inevitabile ma che, ma che esso si genera in rapporto ad aspettative e desideri frustrati ed a sentimenti di minaccia personalmente o collettivamente sperimentati e che l’impegno a contrastarlo è una sfida possibile, ma soprattutto irrinunciabile specie in presenza di una cultura che lo fomenta e l’autorizza.

Odiare

RAVENNA, Marcella
2009

Abstract

L’odio è un un’esperienza emozionale negativa presente in modo costante nella storia umana ed estesamente sperimentata dalle persone negli scambi sociali. Solo di recente ed in relazione alla sempre maggiore visibilità delle sue espressioni , sia nei contesti della vita ordinaria, che nei conflitti che interessano numerose aree del mondo, è stata avvertita l’esigenza di studi più sistematici e mirati al riguardo. Scopo del volume è pertanto di delineare le complesse sfaccettature ed articolazioni dell’esperienza psicologica dell’odio: ciò che lo caratterizza, i fattori ed i processi che contribuiscono a generarlo ed a consolidarlo, così come quelli in grado di renderlo estremo, nonché i molti modi in cui esso viene espresso nella vita sociale, sia nei rapporti interpersonali che in quelli che intercorrono fra i gruppi sociali. Proprio a partire da alcune manifestazioni concrete dell’odio in contesti della vita reale, il volume ne delinea le componenti e la natura dinamica così come il ruolo di alcune motivazioni individuali, di specifiche forme di pensiero e dell’adesione a determinate norme sociali nel pro-muoverlo. Ma poiché l’odio non interessa solo i rapporti fra i singoli ma anche quelli fra i gruppi sociali, l’analisi proposta mette innanzitutto in luce che è il legame che si crea fra le specifiche appartenenze degli individui ed i modi in cui essi categorizzano gli altri a generare atteggiamenti ostili e conflitti intergruppi e che sono poi alcuni specifici eventi distali e prossimali ad innescare quell’escalation che può tradursi in azioni distruttive. Il volume mostra che l’odio non è un fenomeno irrazionale ed inevitabile ma che, ma che esso si genera in rapporto ad aspettative e desideri frustrati ed a sentimenti di minaccia personalmente o collettivamente sperimentati e che l’impegno a contrastarlo è una sfida possibile, ma soprattutto irrinunciabile specie in presenza di una cultura che lo fomenta e l’autorizza.
8815 130594
Natura dell'odio; genesi ed escalation dell'odio; odio interpersonale ed intergruppi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/472189
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact