Il problema della variazione negli atti linguistici: qualche considerazione a partire dalla struttura delle domande retoriche in italiano