Il testo prende in esame l'esperienza plastica di Guido Gambone uno dei maggiori ceramisti italiani del Ventesimo secolo. E' un tracciato che ne analizza il dettato scultoreo a partire dai primi anni Cinquanta, collocandone l'operato nelle vicende plastiche prodottesi all'indomani del secondo dopoguerra. Un'anlaisi che evidenzia il portato di indagine dell'artista, la sua riflessione sul rapporto forma-spazio, la sua capacità di aderenza alle proprie radici mediterranee cui si lega il senso mai trascurato di una forte capacità artigianale.

La fuga nella plastica

FIORILLO, Ada Patrizia
2004

Abstract

Il testo prende in esame l'esperienza plastica di Guido Gambone uno dei maggiori ceramisti italiani del Ventesimo secolo. E' un tracciato che ne analizza il dettato scultoreo a partire dai primi anni Cinquanta, collocandone l'operato nelle vicende plastiche prodottesi all'indomani del secondo dopoguerra. Un'anlaisi che evidenzia il portato di indagine dell'artista, la sua riflessione sul rapporto forma-spazio, la sua capacità di aderenza alle proprie radici mediterranee cui si lega il senso mai trascurato di una forte capacità artigianale.
2004
Gambone; pittore; cermista; scultore
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/463735
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact