Si ricostruisce il dibattito giurisprudenziale relativo all'interpretazione dei beneficia principalia. Giavoleno, svelando la sua adesione alla politica domizianea e alla divinizzazione della figura imperiale, esortava i giuristi a interpretarli 'quam plenissime'. Nerazio, in età adrianea, li considerava con diffidenza e riteneva che essi si sottraessero ai canoni dell'interpretatio giurisprudenziale. Sfruttando questo parere neraziano, Celso figlio finiva per affrancare il potere imperiale dal rispetto dei criteri di quest'ultima: il principe diveniva l'unico interprete dei privilegi da lui concessi.

I "beneficia principalia" in un dibattito fra primo e secondo secolo

SCARANO USSANI, Vincenzo
1981

Abstract

Si ricostruisce il dibattito giurisprudenziale relativo all'interpretazione dei beneficia principalia. Giavoleno, svelando la sua adesione alla politica domizianea e alla divinizzazione della figura imperiale, esortava i giuristi a interpretarli 'quam plenissime'. Nerazio, in età adrianea, li considerava con diffidenza e riteneva che essi si sottraessero ai canoni dell'interpretatio giurisprudenziale. Sfruttando questo parere neraziano, Celso figlio finiva per affrancare il potere imperiale dal rispetto dei criteri di quest'ultima: il principe diveniva l'unico interprete dei privilegi da lui concessi.
SCARANO USSANI, Vincenzo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/463136
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact