Le fonti del diritto canonico medievale proibivano ai chierici di disporre per testamento dei redditi derivanti dal beneficio ecclesiastico, ma vi era grande incertezza sia nella intrepretazione delle fonti stesse che nella prassi. L'articolo analizza in maniera approfondita le diverse teorie, soffermndosi in particolare sul pensiero più rigorista del giurista Niccolò dei Tedeschi, secondo il quale i chierici dovevano destinare ai poveri tutto ciò che eccedeva il loro sostentamento.

La questione dei diritti del chierico sui redditi beneficiali nel pensiero di Niccolò dei Tedeschi (Abate Panormitano)

d'urso francesco
Primo
2022

Abstract

Le fonti del diritto canonico medievale proibivano ai chierici di disporre per testamento dei redditi derivanti dal beneficio ecclesiastico, ma vi era grande incertezza sia nella intrepretazione delle fonti stesse che nella prassi. L'articolo analizza in maniera approfondita le diverse teorie, soffermndosi in particolare sul pensiero più rigorista del giurista Niccolò dei Tedeschi, secondo il quale i chierici dovevano destinare ai poveri tutto ciò che eccedeva il loro sostentamento.
2022
9788821010958
beneficio ecclesiastico, redditi del clero
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Libro 13 dic 2023_D'URSO.pdf

solo gestori archivio

Descrizione: versione editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 6.91 MB
Formato Adobe PDF
6.91 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2517450
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact