The recovery of some fragments among the materials found by Giuseppe Cultrera in 1927 inside the first tumulus of the Doganaccia allows us to reconstruct the personality of a Tarquinian potter of the early 7th century BC., to whom the name of Painter of Doganaccia is attributed, characterized by a very distinctly individuality and marked by a strong Cycladic imprint.

Si presentano un gruppo di vasi italo geometrici databili all'inizio del VII secolo a.C. dipinti tutti da un maestro che si propone di chiamare Pittore della Doganaccia, attivo a Tarquinia

Attorno alla ceramografia tarquiniese alto-arcaica, personalità e percorsi di tradizione: il Pittore della Doganaccia

Stefano Bruni
2021

Abstract

The recovery of some fragments among the materials found by Giuseppe Cultrera in 1927 inside the first tumulus of the Doganaccia allows us to reconstruct the personality of a Tarquinian potter of the early 7th century BC., to whom the name of Painter of Doganaccia is attributed, characterized by a very distinctly individuality and marked by a strong Cycladic imprint.
2021
Bruni, Stefano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bruni - Ostraka XXX.pdf

embargo fino al 15/03/2027

Descrizione: versione editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: Creative commons
Dimensione 5.11 MB
Formato Adobe PDF
5.11 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2504533
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact