Questo contributo si prefigge di presentare i risultati preliminari dell’analisi archeozoologica dei reperti faunistici rinvenuti all’interno dell’abitato Verucchio, al fine di interpretare le pratiche economiche di sussistenza e di gestione delle risorse animali durante alcune fasi di occupazione dell’abitato, indagate dall’Università di Pavia nell’ambito di un progetto finalizzato ad aggiornare il quadro del popolamento del pianoro tra la prima e seconda età del Ferro. L’analisi archeozoologica condotta sui resti faunistici di Verucchio ha finora interessato un totale di 1548 frammenti osteologici. L’insieme più numeroso e significativo proviene dalla fase più antica dell’abitato (IX-VIII sec. a.C.) a cui appartengono il 75% del totale dei resti recuperati. Le fasi del VII e del IV-III sec. a.C. sono numericamente poco rappresentative, nonostante quest’ultima sia particolarmente interessante per alcune peculiarità che presenta. Per questo motivo in questo contributo verranno presentati i risultati conseguiti dalle analisi sulle faune delle fasi villanoviana e di IV-III sec. a.C.

Economia e gestione delle risorse animali nell’abitato di Verucchio-Pian del Monte: primi risultati dello studio archeozoologico e tafonomico

Bertolini M.
Primo
;
Thun Hohenstein U.
Ultimo
2022

Abstract

Questo contributo si prefigge di presentare i risultati preliminari dell’analisi archeozoologica dei reperti faunistici rinvenuti all’interno dell’abitato Verucchio, al fine di interpretare le pratiche economiche di sussistenza e di gestione delle risorse animali durante alcune fasi di occupazione dell’abitato, indagate dall’Università di Pavia nell’ambito di un progetto finalizzato ad aggiornare il quadro del popolamento del pianoro tra la prima e seconda età del Ferro. L’analisi archeozoologica condotta sui resti faunistici di Verucchio ha finora interessato un totale di 1548 frammenti osteologici. L’insieme più numeroso e significativo proviene dalla fase più antica dell’abitato (IX-VIII sec. a.C.) a cui appartengono il 75% del totale dei resti recuperati. Le fasi del VII e del IV-III sec. a.C. sono numericamente poco rappresentative, nonostante quest’ultima sia particolarmente interessante per alcune peculiarità che presenta. Per questo motivo in questo contributo verranno presentati i risultati conseguiti dalle analisi sulle faune delle fasi villanoviana e di IV-III sec. a.C.
978-88-7849-156-4
Età del Ferro, Verucchio, archeozoologia, tafonomia, tracce di macellazione, cane
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2494714
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact