Il contributo costituisce un omaggio al Prof. Antonio Ruggeri. Trae punto da una vicenda (e da una pronuncia costituzionale) analizzata dallo stesso omaggiato. Si tratta, in particolare, dell'ordinanza. 17 del 2019. Per la prima volta, la Corte ammette qui che i singoli parlamentari – nelle circostanze in discorso, ossia muovendo da un maxiemendamento presentato oltre i termini sulla legge di bilancio e sul quale il Governo ha posto la questione di fiducia – possano configurarsi quali poteri dello Stato e quindi sollevare conflitto di attribuzione ai sensi dell'art. 134 Cost. Nega però che – nel caso – alla luce del particolare “contesto” in cui si è addivenuti all’approvazione della legge, si possa ammettere lo specifico conflitto sollevato avverso il Senato. Ciò non esclude tuttavia che ciò possa avvenire in altre circostanze. Nel commento si sottolineano i profili positivi e i dubbi sollevati dalle argomentazioni della Corte, evidenziandosi criticamente come la vicenda avrebbe forse meritato un diverso esito sul piano sostanziale.

Vai e non peccare mai più: la Corte e il conflitto promosso dai senatori sulle abnormi modalità di approvazione delle leggi di bilancio (ord. cost. n. 17 del 2019)

Paolo VERONESI
Primo
2021

Abstract

Il contributo costituisce un omaggio al Prof. Antonio Ruggeri. Trae punto da una vicenda (e da una pronuncia costituzionale) analizzata dallo stesso omaggiato. Si tratta, in particolare, dell'ordinanza. 17 del 2019. Per la prima volta, la Corte ammette qui che i singoli parlamentari – nelle circostanze in discorso, ossia muovendo da un maxiemendamento presentato oltre i termini sulla legge di bilancio e sul quale il Governo ha posto la questione di fiducia – possano configurarsi quali poteri dello Stato e quindi sollevare conflitto di attribuzione ai sensi dell'art. 134 Cost. Nega però che – nel caso – alla luce del particolare “contesto” in cui si è addivenuti all’approvazione della legge, si possa ammettere lo specifico conflitto sollevato avverso il Senato. Ciò non esclude tuttavia che ciò possa avvenire in altre circostanze. Nel commento si sottolineano i profili positivi e i dubbi sollevati dalle argomentazioni della Corte, evidenziandosi criticamente come la vicenda avrebbe forse meritato un diverso esito sul piano sostanziale.
2021
979-12-5976-033-3
Corte costituzionale - Conflitti di attribuzione - Legge di bilancio - Maxiemendamento - questione di fiducia - Conflitto sollevato da singoli parlamentari e da gruppi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
VERONESI_Scritti_Ruggeri.pdf

solo gestori archivio

Descrizione: Full text editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 269.02 kB
Formato Adobe PDF
269.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2479497
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact