Il contributo analizza la prassi applicativa delle disposizioni dello Statuto di Roma che disciplinano il rapporto fra la Corte penale internazionale e Consiglio di sicurezza, allo scopo di meglio chiarirne la portata e stabilire fino a che punto esse consentano di conciliare l’esigenza di garantire la punizione degli autori di gravi crimini internazionali con quella di assicurare una pace durevole per gli Stati coinvolti (o da poco usciti) da un conflitto armato.

Il rapporto fra pace e giustizia nella prassi applicativa dello Statuto di Roma

annoni
2021

Abstract

Il contributo analizza la prassi applicativa delle disposizioni dello Statuto di Roma che disciplinano il rapporto fra la Corte penale internazionale e Consiglio di sicurezza, allo scopo di meglio chiarirne la portata e stabilire fino a che punto esse consentano di conciliare l’esigenza di garantire la punizione degli autori di gravi crimini internazionali con quella di assicurare una pace durevole per gli Stati coinvolti (o da poco usciti) da un conflitto armato.
978-88-243-2723-7
Corte penale internazionale, Crimini internazionali, Pace, Giustizia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2469422
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact