Il saggio illustra le caratteristiche della lingua particolarmente ricercata del primo romanzo di Luciano Cecchinel. Le scelte retoriche e sintattiche arcaizzanti e artificiose tendono a distanziare dalla realtà le vite dei personaggi descritti, di umile origine, dando luogo a uno straniamento del lettore che può essere letto in chiave ironica oppure come distopia.

"Piuttosto che essere poveri è meglio non aver nulla". Note sulla lingua e sui personaggi de "La parabola degli eterni paesani" di Luciano Cecchinel

romanini
2018

Abstract

Il saggio illustra le caratteristiche della lingua particolarmente ricercata del primo romanzo di Luciano Cecchinel. Le scelte retoriche e sintattiche arcaizzanti e artificiose tendono a distanziare dalla realtà le vite dei personaggi descritti, di umile origine, dando luogo a uno straniamento del lettore che può essere letto in chiave ironica oppure come distopia.
2018
Romanini, Fabio
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ASC4-romanini.pdf

solo gestori archivio

Descrizione: Full text editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 807.19 kB
Formato Adobe PDF
807.19 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
preprint_Cecchinel.pdf

solo gestori archivio

Descrizione: Pre-print
Tipologia: Pre-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 68.14 kB
Formato Adobe PDF
68.14 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2458676
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact