Il censimento della produzione sonettistica di Gian Pietro Lucini viene completato con un repertorio di testi particolarmente interessante, grazie al quale è possibile collegare le ultime produzioni spontanee in forma chiusa e la nascita della riflessione sul verso libero. Dalla teoria Lucini affronta poi la pratica con il "semiritmo", una struttura suggerita da Capuana e Carducci, sperimentata con scarso successo ma molte speranze, prima di approdare al "verso libero".

Affioramenti di forme chiuse in Lucini: i sonetti. III. Dalle «Revolverate» alle «Armonie sinfoniche». Con un paragrafo sui semiritmi

ROMANINI, FABIO
2015

Abstract

Il censimento della produzione sonettistica di Gian Pietro Lucini viene completato con un repertorio di testi particolarmente interessante, grazie al quale è possibile collegare le ultime produzioni spontanee in forma chiusa e la nascita della riflessione sul verso libero. Dalla teoria Lucini affronta poi la pratica con il "semiritmo", una struttura suggerita da Capuana e Carducci, sperimentata con scarso successo ma molte speranze, prima di approdare al "verso libero".
Romanini, Fabio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2458384
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact