It is assumed that natural and anthropic hazards, their consequences, and, most of all, their impact on society in terms of damage cannot be removed. However, the limits of tolerance to their effects should be increased, thus reducing the level of potential disaster. Pursuing this aim, a careful comparison should take place on the procedures adopted in the management of crises, such as those that affected the Pianura Padana and the central regions of Italy in the last ten years, to assess which policies have had a positive outcome and which constraints characterized any inefficiencies. This is the objective of the After the Damages high training project, carried out through a wide international participation on different contexts, different kinds of risk and different approaches to mitigation.

I rischi naturali e causati dall’uomo, le loro conseguenze e il loro impatto sulla società in termini di danno non possono essere eliminati, ma i limiti di tolleranza ai loro effetti possono essere aumentati riducendo così il livello di potenziale disastro. Perché ciò possa accadere, è necessario che avvenga un attento confronto sulle procedure adottate nella gestione di crisi come quelle che negli ultimi dieci anni hanno colpito la pianura padana e le regioni centrali dell’Italia, per comprendere quali politiche hanno avuto un esito positivo e quali condizionamenti hanno caratterizzato le eventuali inefficienze. Questo è l’obiettivo del progetto di alta formazione After the Damages, realizzato attraverso un ampio confronto internazionale su diverse realtà, diverse tipologie di rischio e diversi approcci alla mitigazione del rischio.

“After the Damages”, International Summer School. Strategie di mitigazione e prevenzione sul territorio costruito attraverso la progettazione e la gestione del rischio

Maietti, Federica
;
Montuori, Manlio;Raco, Fabiana;
2020

Abstract

I rischi naturali e causati dall’uomo, le loro conseguenze e il loro impatto sulla società in termini di danno non possono essere eliminati, ma i limiti di tolleranza ai loro effetti possono essere aumentati riducendo così il livello di potenziale disastro. Perché ciò possa accadere, è necessario che avvenga un attento confronto sulle procedure adottate nella gestione di crisi come quelle che negli ultimi dieci anni hanno colpito la pianura padana e le regioni centrali dell’Italia, per comprendere quali politiche hanno avuto un esito positivo e quali condizionamenti hanno caratterizzato le eventuali inefficienze. Questo è l’obiettivo del progetto di alta formazione After the Damages, realizzato attraverso un ampio confronto internazionale su diverse realtà, diverse tipologie di rischio e diversi approcci alla mitigazione del rischio.
Maietti, Federica; Montuori, Manlio; Raco, Fabiana; Pescosolido, Claudia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Articolo_Summer_School_After_the_Damages_Paesaggio_Urbano.pdf

accesso aperto

Descrizione: Full text editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 6.28 MB
Formato Adobe PDF
6.28 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2439220
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact