In tema di rapporti con la prole minore, il diritto dovere di visita del genitore non collocatario non e` suscettibile di coercizione, neppure nelle forme indirette previste dall’art. 614 bis cod. proc. civ., trattandosi di un ‘‘potere funzione’’ che, non essendo sussumibile negli obblighi la cui violazione integra una grave inadempienza ex art. 709 ter cod. proc. civ., e` destinato a rimanere libero nel suo esercizio, quale esito di autonome scelte che rispondono anche all’interesse superiore del minore.

Il dovere di visita del genitore, secondo la Corte, non è coercibile

Alessandro Nascosi
2020

Abstract

In tema di rapporti con la prole minore, il diritto dovere di visita del genitore non collocatario non e` suscettibile di coercizione, neppure nelle forme indirette previste dall’art. 614 bis cod. proc. civ., trattandosi di un ‘‘potere funzione’’ che, non essendo sussumibile negli obblighi la cui violazione integra una grave inadempienza ex art. 709 ter cod. proc. civ., e` destinato a rimanere libero nel suo esercizio, quale esito di autonome scelte che rispondono anche all’interesse superiore del minore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nascosi - Dovere di visita.pdf

solo gestori archivio

Descrizione: versione editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 116.79 kB
Formato Adobe PDF
116.79 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/2424349
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact