The pile-dwelling site of ‘Vallette’ is located in the natural Park at the center of the Menago paleo-river, which today flows in a north-south direction at the eastern edge of the Park. The archaeological site was discovered in 2006 and is far less than one km north from Tombola’s pile dwelling. Systematic excavations began in 2008 under the scientific direction of the Superintendence of Archaeological Heritage of the Veneto Region. During the excavation more than 400 bone remains have been recovered, giving us important information, on the subsistence economy of the village. Animal hard materials industry is particularly rich and consists of 63 artifacts. The high number of finished tools, waste and supports suggest that the area investigated could be linked to the processing of bone and antler objects, but it is difficult to establish it in the absence of other evidences. Bone tools are less frequent compared to the antler ones. The exploited animals seem to be mainly domestic, but it has not to be excluded that the bones of the wild animals were used too.

La palafitta delle ‘Vallette’ si trova all’interno dell’omonimo Parco naturale, posto al centro del paleoalveo del Menago che attualmente scorre in direzione nord-sud ai margini orientali del Parco. Il sito archeologico è stato individuato durante i sondaggi esplorativi nel corso del 2006 ed è localizzato a meno di un km a nord dell’abitato di Tombola di Cerea. gli scavi sistematici sono iniziati nel 2008 sotto la direzione scientifica della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto. L’industria in materia dura animale delle Vallette è particolarmente ricca e si compone di 63 manufatti. L’elevato numero di strumenti finiti, scarti e abbozzi fa pensare che l’area indagata potesse essere legata alla lavorazione della materia dura. L’osso, comunque abbondante nell’insieme analizzato, risulta minoritario rispetto al palco ed associato alla realizzazione di strumenti impiegati in attività quotidiane. gli animali sfruttati sembrano essere principalmente i domestici, ma non è da escludere che anche le ossa dei selvatici fossero impiegate nelle attività artigianali.

Artigiani dell'osso e del palco nella palafitta del Bronzo medio delle Vallette di Cerea (VR)

Bertolini M.
Primo
;
Thun Hohenstein U.
Ultimo
2019

Abstract

La palafitta delle ‘Vallette’ si trova all’interno dell’omonimo Parco naturale, posto al centro del paleoalveo del Menago che attualmente scorre in direzione nord-sud ai margini orientali del Parco. Il sito archeologico è stato individuato durante i sondaggi esplorativi nel corso del 2006 ed è localizzato a meno di un km a nord dell’abitato di Tombola di Cerea. gli scavi sistematici sono iniziati nel 2008 sotto la direzione scientifica della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto. L’industria in materia dura animale delle Vallette è particolarmente ricca e si compone di 63 manufatti. L’elevato numero di strumenti finiti, scarti e abbozzi fa pensare che l’area indagata potesse essere legata alla lavorazione della materia dura. L’osso, comunque abbondante nell’insieme analizzato, risulta minoritario rispetto al palco ed associato alla realizzazione di strumenti impiegati in attività quotidiane. gli animali sfruttati sembrano essere principalmente i domestici, ma non è da escludere che anche le ossa dei selvatici fossero impiegate nelle attività artigianali.
Bertolini, M.; Thun Hohenstein, U.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2413426
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact