Lo studio che viene presentato è realizzato a partire da casi specifici, che sono stati oggetto dell’attenzione della difesa civica della Regione Emilia Romagna in riferimento al tema dei diritti delle persone con disabilità. Questa guida si inserisce dunque tra gli interventi puntuali ed operativi posti in essere al fine di dare attuazione ai diritti dei soggetti disabili come cittadini che devono poter svolgere la propria personalità senza incontrare ostacoli – materiali e morali – nella vita di tutti i giorni. L’opportunità della sua predisposizione si è resa necessaria, infatti, dopo avere riscontrato come le barriere, gli ostacoli concreti che impediscono lo svolgimento delle libertà più elementari della persona (come la libertà di circolazione, di trasferimento, la fruizione dei servizi pubblici e di quelli alla persona), siano già presenti a livello informativo. In tutto ciò l’azione delle figure di garanzia – dal Difensore civico al Garante dei malati – può costituire un valido sostegno alla vita di persone e lavoratori disabili, per i quali ogni gesto banale dell’esistenza quotidiana può divenire un percorso irto di ostacoli e difficoltà in presenza di istituzioni pubbliche disattente, assenti o insensibili ai diritti delle persone con disabilità.

Disabilità e diritti in Emilia Romagna: istruzioni per l'uso

Maria Giulia Bernardini
2017

Abstract

Lo studio che viene presentato è realizzato a partire da casi specifici, che sono stati oggetto dell’attenzione della difesa civica della Regione Emilia Romagna in riferimento al tema dei diritti delle persone con disabilità. Questa guida si inserisce dunque tra gli interventi puntuali ed operativi posti in essere al fine di dare attuazione ai diritti dei soggetti disabili come cittadini che devono poter svolgere la propria personalità senza incontrare ostacoli – materiali e morali – nella vita di tutti i giorni. L’opportunità della sua predisposizione si è resa necessaria, infatti, dopo avere riscontrato come le barriere, gli ostacoli concreti che impediscono lo svolgimento delle libertà più elementari della persona (come la libertà di circolazione, di trasferimento, la fruizione dei servizi pubblici e di quelli alla persona), siano già presenti a livello informativo. In tutto ciò l’azione delle figure di garanzia – dal Difensore civico al Garante dei malati – può costituire un valido sostegno alla vita di persone e lavoratori disabili, per i quali ogni gesto banale dell’esistenza quotidiana può divenire un percorso irto di ostacoli e difficoltà in presenza di istituzioni pubbliche disattente, assenti o insensibili ai diritti delle persone con disabilità.
Diritti, persone con disabilità, servizi, Regione Emilia-Romagna
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2407275
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact