La sinergia fra le istituzioni pubbliche del Comune di Ferrara e dell’Ordine degli architetti della Provincia ha permesso di attuare l’intervento di riqualificazione, rigenerazione e restauro della Palazzina dell’Ex MOF (Mercato ortofrutticolo Ferrara). Edificio razionalista realizzato da Carlo Savonuzzi, già dismesso negli anni ’90 e compromesso dal sisma del 2012. L’intervento attuato si è basato su tre principi essenziali: integrazione, valorizzazione e accessibilità. Le opere sulla Palazzina hanno riguardato il miglioramento funzionale, energetico e sismico, per il 60% delle strutture. Sono stati ridefiniti gli spazi di vita interni, per una migliorare vivibilità, con il progetto di pareti attrezzate bifacciali a doppio uso, funzionali al contenimento dei corpi di climatizzazione e come arredo flessibile e modulare. Insieme allo studio dell’accessibilità con il ridisegno architettonico degli ingressi esterni che manifesta l’integrazione fra pubblico e privato. L’architettura per pregiate caratteristiche tipologiche, finiture interne ed esterne, soluzioni tecniche e testimonianze artistiche in essa presente, ha portato ad un proficuo confronto con gli organi di soprintendenza, nelle scelte d’intervento adottate. Si è intervenuti grazie ai finanziamenti europei post sisma, affidando l'incarico progettuale agli architetti vincitori del concorso d’idee del marzo 2014. Attualmente è sede dell’Ordine degli architetti di Ferrara e dell’Urban Center della città.

Ferrara, al MOF l’Urban center e l’Ordine degli architetti

Valentina Radi
2018

Abstract

La sinergia fra le istituzioni pubbliche del Comune di Ferrara e dell’Ordine degli architetti della Provincia ha permesso di attuare l’intervento di riqualificazione, rigenerazione e restauro della Palazzina dell’Ex MOF (Mercato ortofrutticolo Ferrara). Edificio razionalista realizzato da Carlo Savonuzzi, già dismesso negli anni ’90 e compromesso dal sisma del 2012. L’intervento attuato si è basato su tre principi essenziali: integrazione, valorizzazione e accessibilità. Le opere sulla Palazzina hanno riguardato il miglioramento funzionale, energetico e sismico, per il 60% delle strutture. Sono stati ridefiniti gli spazi di vita interni, per una migliorare vivibilità, con il progetto di pareti attrezzate bifacciali a doppio uso, funzionali al contenimento dei corpi di climatizzazione e come arredo flessibile e modulare. Insieme allo studio dell’accessibilità con il ridisegno architettonico degli ingressi esterni che manifesta l’integrazione fra pubblico e privato. L’architettura per pregiate caratteristiche tipologiche, finiture interne ed esterne, soluzioni tecniche e testimonianze artistiche in essa presente, ha portato ad un proficuo confronto con gli organi di soprintendenza, nelle scelte d’intervento adottate. Si è intervenuti grazie ai finanziamenti europei post sisma, affidando l'incarico progettuale agli architetti vincitori del concorso d’idee del marzo 2014. Attualmente è sede dell’Ordine degli architetti di Ferrara e dell’Urban Center della città.
Radi, Valentina
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2385900
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact