Conclusioni. La vulnerabilità e la forza. Un binomio antico da ritematizzare