La nozione di vulnerabilità andrebbe recuperata nella sua “classica” accezione appartenente al pensiero politico e giuridico, quale caratteristica intrinseca a tutti gli esseri umani e perciò rilevante per la fondazione delle istituzioni politiche e della produzione giuridica, dunque quale “presupposto” implicito delle filosofie contrattualistiche e utilitaristiche. Già in Thomas Hobbes, infatti, e molto tempo dopo anche in Herbert Hart, la comune condizione di vulnerabilità è stata riconosciuta come la ragione prima che spinge verso l’istituzione del monopolio politico e giuridico dell’uso della forza da parte dello Stato, con la conseguente proibizione del ricorso alla violenza/forza privata.

Conclusioni. La vulnerabilità e la forza. Un binomio antico da ritematizzare

O. Giolo
2018

Abstract

La nozione di vulnerabilità andrebbe recuperata nella sua “classica” accezione appartenente al pensiero politico e giuridico, quale caratteristica intrinseca a tutti gli esseri umani e perciò rilevante per la fondazione delle istituzioni politiche e della produzione giuridica, dunque quale “presupposto” implicito delle filosofie contrattualistiche e utilitaristiche. Già in Thomas Hobbes, infatti, e molto tempo dopo anche in Herbert Hart, la comune condizione di vulnerabilità è stata riconosciuta come la ragione prima che spinge verso l’istituzione del monopolio politico e giuridico dell’uso della forza da parte dello Stato, con la conseguente proibizione del ricorso alla violenza/forza privata.
9788867881352
vulnerabilità, forza, eguaglianza, discriminazione, soggetti
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
26-4-PB (1).pdf

accesso aperto

Descrizione: Full text editoriale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 69.02 kB
Formato Adobe PDF
69.02 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2384552
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact