L'articolo commenta la sent. della Corte costituzionale n. 158/2016 sotto due aspetti: il primo, più circoscritto, del riparto di competenze in materia di produzione di energia; il secondo, più generale e rilevante nel sistema delle fonti, della mancata adozione di provvedimenti normativi statali attuativi di disposizioni legislative di principio, e i riflessi conseguenti sulla autonomia regionale.

Canoni idroelettrici e riparto di competenze: l'inerzia statale non (sempre) paralizza l'attività regionale

MAINARDIS CESARE
2017

Abstract

L'articolo commenta la sent. della Corte costituzionale n. 158/2016 sotto due aspetti: il primo, più circoscritto, del riparto di competenze in materia di produzione di energia; il secondo, più generale e rilevante nel sistema delle fonti, della mancata adozione di provvedimenti normativi statali attuativi di disposizioni legislative di principio, e i riflessi conseguenti sulla autonomia regionale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
editoriale-0391-7576-26970-9.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 540.36 kB
Formato Adobe PDF
540.36 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2383925
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact