Canoni idroelettrici e riparto di competenze: l'inerzia statale non (sempre) paralizza l'attività regionale