Il presente progetto di ricerca, descritto schematicamente, trova senso e giustificazione nei seguenti punti: 1) nelle competenze dell’intero gruppo proponente che, afferente al ssd BIO/15 (Biologia farmaceutica), ha sempre sviluppato la propria ricerca nello studio delle droghe e loro derivati sotto un profilo di caratterizzazione chimica e di bioattività funzionale ad un interesse farmaceutico. In particolare, negli ultimi anni la ricerca del gruppo è stata per buona parte rivolta a droghe fonti di miscele terpeniche, oli essenziali in particolare, di cui è stato valutato il profilo fitochimico e le attività biologiche: questo è un aspetto che sottolinea le competenze specifiche che il gruppo sa esprimere e che potrà sviluppare nel dare seguito al progetto; 2) per le collaborazioni scientifiche che negli anni sono state sviluppate e consolidate dall’intero gruppo proponente, motivazioni che danno ulteriore senso e respiro alla presentazione del progetto. Oggetto della ricerca saranno droghe e oli essenziali derivati da droghe di origine Amazzonica (Croton lechleri foglie; Cimbopogon citratus foglie; Ocimum micranthum foglie; Curcuma longa rizoma; Zingiber officinale rizoma; Citrus limon, C. aurantium, C. nobilis foglie e frutti), Africana (Cassia senna foglie; Pelargonium capitatum foglie e fiori) e autoctona (Lavandula angustifoglia e ibridi, sommità fiorite; Thymus vulgaris varietà rossa e bianca, sommità fiorite). Va sottolineato che l’originalità del progetto risiede non tanto nella scelta delle fonti naturali, di cui comunque la bibliografia è per alcune scarsa o nulla, ma soprattutto nella struttura e negli obiettivi innovativi che il progetto per esse propone e di cui la letteratura è ad oggi fortemente deficitaria: dalle modalità estrattive al fingerprinting fitochimico, dalla valutazione di mutagenicità o mutageno-protezione, alla progettazione di miscele terpeniche artificiali sulla base delle sinergie osservate e misurate in base ad una modellistica impostata sulla analisi multivariata. negli obiettivi innovativi che il gruppo di ricerca si propone con il presente progetto: a) l’individuazione di eventuali strategie estrattive più performanti sul piano applicativo rispetto a quelle consolidate (distillazione); b) l’ottenimento di un fingerprinting che coniughi fitochimica e bioattività attraverso l’incrocio di differenti profili strumentali e di attività biologica finalizzata a impieghi farmaceutici differenti dagli usi tradizionali; c) la formulazione di miscele artificiali da composti puri al fine di massimizzare o migliorare l’efficacia minimizzando eventuali effetti avversi.

Miscele terpeniche: fingerprinting metabolomico e nuovi fitocomplessi artificiali ad uso salutistico

Gianni Sacchetti
Supervision
;
Alessandra Guerrini
Membro del Collaboration Group
2009

Abstract

Il presente progetto di ricerca, descritto schematicamente, trova senso e giustificazione nei seguenti punti: 1) nelle competenze dell’intero gruppo proponente che, afferente al ssd BIO/15 (Biologia farmaceutica), ha sempre sviluppato la propria ricerca nello studio delle droghe e loro derivati sotto un profilo di caratterizzazione chimica e di bioattività funzionale ad un interesse farmaceutico. In particolare, negli ultimi anni la ricerca del gruppo è stata per buona parte rivolta a droghe fonti di miscele terpeniche, oli essenziali in particolare, di cui è stato valutato il profilo fitochimico e le attività biologiche: questo è un aspetto che sottolinea le competenze specifiche che il gruppo sa esprimere e che potrà sviluppare nel dare seguito al progetto; 2) per le collaborazioni scientifiche che negli anni sono state sviluppate e consolidate dall’intero gruppo proponente, motivazioni che danno ulteriore senso e respiro alla presentazione del progetto. Oggetto della ricerca saranno droghe e oli essenziali derivati da droghe di origine Amazzonica (Croton lechleri foglie; Cimbopogon citratus foglie; Ocimum micranthum foglie; Curcuma longa rizoma; Zingiber officinale rizoma; Citrus limon, C. aurantium, C. nobilis foglie e frutti), Africana (Cassia senna foglie; Pelargonium capitatum foglie e fiori) e autoctona (Lavandula angustifoglia e ibridi, sommità fiorite; Thymus vulgaris varietà rossa e bianca, sommità fiorite). Va sottolineato che l’originalità del progetto risiede non tanto nella scelta delle fonti naturali, di cui comunque la bibliografia è per alcune scarsa o nulla, ma soprattutto nella struttura e negli obiettivi innovativi che il progetto per esse propone e di cui la letteratura è ad oggi fortemente deficitaria: dalle modalità estrattive al fingerprinting fitochimico, dalla valutazione di mutagenicità o mutageno-protezione, alla progettazione di miscele terpeniche artificiali sulla base delle sinergie osservate e misurate in base ad una modellistica impostata sulla analisi multivariata. negli obiettivi innovativi che il gruppo di ricerca si propone con il presente progetto: a) l’individuazione di eventuali strategie estrattive più performanti sul piano applicativo rispetto a quelle consolidate (distillazione); b) l’ottenimento di un fingerprinting che coniughi fitochimica e bioattività attraverso l’incrocio di differenti profili strumentali e di attività biologica finalizzata a impieghi farmaceutici differenti dagli usi tradizionali; c) la formulazione di miscele artificiali da composti puri al fine di massimizzare o migliorare l’efficacia minimizzando eventuali effetti avversi.
2010
Locale (anche progetti interni a UNIFE)
Coordinatore
UNIFE - FAR 2009
Sacchetti, Gianni; Guerrini, Alessandra
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2383368
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact