Quali sono le basi genetiche degli adattamenti che permettono ad un vertebrato a sangue caldo di sopravvivere e riprodursi nella condizioni climatiche estreme tipiche del continente Antartico? In questo studio proponiamo di rispondere a questa domanda analizzando e confrontando il genoma del pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri), il cui ciclo vitale si svolge interamente in Antartide, e quello del pinguino reale (A. patagonicus), una specie filogeneticamente vicina ma che presenta adattamenti meno estremi al freddo e si riproduce solamente in isole subantartiche non coperte dal ghiaccio. Prevediamo inoltre una campagna di scavi archeo-geologici per raccogliere resti biologici antichi di pinguino reale, la cui tipizzazione genetica mediante tecniche di DNA antico permetterà di isolare con maggiore sicurezza i tratti genomici selezionati durante l’adattamento al freddo estremo. Questo progetto si basa sulla collaborazione già in corso da alcuni anni tra il proponente, Dott. Emiliano Trucchi, e Dott. Celine Le Bohec, leader the programma dell’Istituto Polare Francese IPEV 137, e sarà possibile grazie alle nuove competenze fornite dalle UR1 (genomica su campioni moderni e antichi, bioinformatica, biologia evoluzionistica) e UR2 (analisi geologiche e archeologiche) tra loro complementari. La composizione del team, grazie anche al supporto scientifico e logistico con copertura dei costi fornito dal programma IPEV 137 per quanto riguarda la base francese, garantirà il raggiungimento degli obiettivi e la possibilità di pubblicare i risultati in riviste scientiche di altro profilo.

Genomica degli adattamenti estremi alla vita in Antartide

Emiliano Trucchi
Project Administration
;
Giorgio Bertorelle
Membro del Collaboration Group
2017

Abstract

Quali sono le basi genetiche degli adattamenti che permettono ad un vertebrato a sangue caldo di sopravvivere e riprodursi nella condizioni climatiche estreme tipiche del continente Antartico? In questo studio proponiamo di rispondere a questa domanda analizzando e confrontando il genoma del pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri), il cui ciclo vitale si svolge interamente in Antartide, e quello del pinguino reale (A. patagonicus), una specie filogeneticamente vicina ma che presenta adattamenti meno estremi al freddo e si riproduce solamente in isole subantartiche non coperte dal ghiaccio. Prevediamo inoltre una campagna di scavi archeo-geologici per raccogliere resti biologici antichi di pinguino reale, la cui tipizzazione genetica mediante tecniche di DNA antico permetterà di isolare con maggiore sicurezza i tratti genomici selezionati durante l’adattamento al freddo estremo. Questo progetto si basa sulla collaborazione già in corso da alcuni anni tra il proponente, Dott. Emiliano Trucchi, e Dott. Celine Le Bohec, leader the programma dell’Istituto Polare Francese IPEV 137, e sarà possibile grazie alle nuove competenze fornite dalle UR1 (genomica su campioni moderni e antichi, bioinformatica, biologia evoluzionistica) e UR2 (analisi geologiche e archeologiche) tra loro complementari. La composizione del team, grazie anche al supporto scientifico e logistico con copertura dei costi fornito dal programma IPEV 137 per quanto riguarda la base francese, garantirà il raggiungimento degli obiettivi e la possibilità di pubblicare i risultati in riviste scientiche di altro profilo.
2018
Nazionale
Coordinatore
Nessun Finanziamento
Trucchi, Emiliano; Bertorelle, Giorgio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2382858
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact