Finitezza del cosmo e infinità del Principio trascendente in Aristotele