Premesse: Nei Paesi industrializzati la tubercolosi (TB) interessa in particolare i migranti che mostrano pattern di malattia specifici influenzati anche dalla genetica dell'ospite e del patogeno. Una politica di screening dell'Infezione Tubercolare Latente (ITL), mirata e costo/efficace, può contribuire ad un maggiore controllo della TB. Obiettivi: valutare gli aspetti clinici, epidemiologici ed economici della TB in migranti ricoverati presso l'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, 2007-2013. Risultati: nello studio sono stati inclusi 75 migranti: 43 maschi e 32 femmine (M:F=1,3:1); età media 34,6 anni (2-75); provenienti (73%) da un Paese ad elevata endemia tubercolare (incidenza TB >50/100.000), di cui 22 (29%) Pakistani, 15 (20%) Rumeni e 12 (16%) Marocchini. Rispetto alle altre etnie, i Pakistani presentavano un rischio maggiore di sviluppare TB (p<0.01). L'essere migrante si è dimostrato un fattore di rischio per TB (p<0.01), in particolare per Marocchini (OR=1.9; CI 1.08-3,5), Rumeni (OR=2.5; CI 1.5-4,5) e Pakistani (OR=2.5; CI 1.6-3.9). Il 52% (39 casi) ha sviluppato TB polmonare (PTB), il 39% (n. 29) Infezione Tubercolare Latente (IT, il 9% (n. 4) TB disseminata. Le sedi extrapolmonari coinvolte sono state: linfonodali (19 casi), gastrointestinali (3 casi), extrapolmonari multiple (3 casi), ossee, pleuriche, corio-amniotiche e genitourinarie (1 caso rispettivamente). La PTB è stata riscontrata in particolare tra soggetti Rumeni, mentre l'EPTB tra i Pakistani, (p<0.05). In questi ultimi, la sede più colpita era quella linfonodale (n.10, 76.9%). Il sesso femminile risultava più associato con l'EPTB (p<0.01). I maschi rumeni hanno dimostrato un rischio statisticamente significativo di PTB, mentre le donne Pakistane, di EPTB (p<0.05). 12/19 (63.2%) hanno sviluppato TB entro i primi 5 anni dall'ingresso in Italia, 6/19 (31.6%) nel primo anno. Il 12% presentava comorbidità controindicanti la profilassi. Una co-infezione TB/HIV è stata osservata in 2 casi (2.6%). I costi di ospedalizzazione dei migranti e dei soggetti italiani, calcolati per l'anno 2010, sono risultati sovrapponibili (€ 6.110,71 e € 6.382,69 rispettivamente), mentre, per lo stesso anno, l'età media dei soggetti migranti era inferiore a quella degli italiani (33,85 vs 62,25 anni). Riguardo al calcolo del costo dello screening e della profilassi dell'ITL, esso è risultato essere di € 54,05 mediante l'intradermoreazione di Mantoux, di € 87,90, con il QuantiFERON. Conclusioni: La TB nel migrante presenta peculiarità da tenere in considerazione per la diagnosi (l'EPTB va sospettata in particolare tra i non caucasici) e nelle politiche di prevenzione e controllo. Nel nostro studio il migrante che sviluppa TB è un soggetto, maschio, proveniente da un Paese ad alta endemia, da pochi anni in Italia, giovane, sano e HIV-negativo; quindi idoneo alla profilassi dell'ITL. Ulteriori studi sono necessari per chiarire gli aspetti di costo/beneficio della profilassi dell'ITL.

ASPETTI EPIDEMIOLOGICI, CLINICI ED ECONOMICI DELLA MALATTIA TUBERCOLARE NELLA POPOLAZIONE MIGRANTE

Di Nuzzo Mariachiara;Maritati Martina;Contini Carlo
2014

Abstract

Premesse: Nei Paesi industrializzati la tubercolosi (TB) interessa in particolare i migranti che mostrano pattern di malattia specifici influenzati anche dalla genetica dell'ospite e del patogeno. Una politica di screening dell'Infezione Tubercolare Latente (ITL), mirata e costo/efficace, può contribuire ad un maggiore controllo della TB. Obiettivi: valutare gli aspetti clinici, epidemiologici ed economici della TB in migranti ricoverati presso l'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, 2007-2013. Risultati: nello studio sono stati inclusi 75 migranti: 43 maschi e 32 femmine (M:F=1,3:1); età media 34,6 anni (2-75); provenienti (73%) da un Paese ad elevata endemia tubercolare (incidenza TB >50/100.000), di cui 22 (29%) Pakistani, 15 (20%) Rumeni e 12 (16%) Marocchini. Rispetto alle altre etnie, i Pakistani presentavano un rischio maggiore di sviluppare TB (p<0.01). L'essere migrante si è dimostrato un fattore di rischio per TB (p<0.01), in particolare per Marocchini (OR=1.9; CI 1.08-3,5), Rumeni (OR=2.5; CI 1.5-4,5) e Pakistani (OR=2.5; CI 1.6-3.9). Il 52% (39 casi) ha sviluppato TB polmonare (PTB), il 39% (n. 29) Infezione Tubercolare Latente (IT, il 9% (n. 4) TB disseminata. Le sedi extrapolmonari coinvolte sono state: linfonodali (19 casi), gastrointestinali (3 casi), extrapolmonari multiple (3 casi), ossee, pleuriche, corio-amniotiche e genitourinarie (1 caso rispettivamente). La PTB è stata riscontrata in particolare tra soggetti Rumeni, mentre l'EPTB tra i Pakistani, (p<0.05). In questi ultimi, la sede più colpita era quella linfonodale (n.10, 76.9%). Il sesso femminile risultava più associato con l'EPTB (p<0.01). I maschi rumeni hanno dimostrato un rischio statisticamente significativo di PTB, mentre le donne Pakistane, di EPTB (p<0.05). 12/19 (63.2%) hanno sviluppato TB entro i primi 5 anni dall'ingresso in Italia, 6/19 (31.6%) nel primo anno. Il 12% presentava comorbidità controindicanti la profilassi. Una co-infezione TB/HIV è stata osservata in 2 casi (2.6%). I costi di ospedalizzazione dei migranti e dei soggetti italiani, calcolati per l'anno 2010, sono risultati sovrapponibili (€ 6.110,71 e € 6.382,69 rispettivamente), mentre, per lo stesso anno, l'età media dei soggetti migranti era inferiore a quella degli italiani (33,85 vs 62,25 anni). Riguardo al calcolo del costo dello screening e della profilassi dell'ITL, esso è risultato essere di € 54,05 mediante l'intradermoreazione di Mantoux, di € 87,90, con il QuantiFERON. Conclusioni: La TB nel migrante presenta peculiarità da tenere in considerazione per la diagnosi (l'EPTB va sospettata in particolare tra i non caucasici) e nelle politiche di prevenzione e controllo. Nel nostro studio il migrante che sviluppa TB è un soggetto, maschio, proveniente da un Paese ad alta endemia, da pochi anni in Italia, giovane, sano e HIV-negativo; quindi idoneo alla profilassi dell'ITL. Ulteriori studi sono necessari per chiarire gli aspetti di costo/beneficio della profilassi dell'ITL.
Infezione Tubercolare Latente (LTBI), migranti, clinica TB, epidemiologia, costo/beneficio della profilassi dell'LTBI
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2380712
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact