L'egloga rappresentativa nel Quattrocento: un'ipotesi storiografica?