Scavi archeologici condotti nel 2013 nell’area circostante la Chiesa di S. Biagio a Ravenna hanno portato alla luce numerose sepolture riconducibili all’antico cimitero in uso dal XVII ai primi due decenni del XIX secolo. Il presente studio riguarda i resti scheletrici di un adulto e di un infante rinvenuti nell’unica sepoltura bisoma datata alle ultime fasi di utilizzo del luogo. L’analisi della posizione reciproca degli inumati indica senza ambiguità la stretta parentela che li legava: l’infante è stato deposto a fianco dell’adulto sotto il suo braccio protettivo. Le analisi antropologiche condotte in laboratorio hanno permesso di tracciare il profilo biologico degli inumati (identificazione del sesso, stima dell’età di morte e patologie), interpretandoli come i resti scheletrici di una madre e del suo neonato. In conclusione, se un parto con esito infausto ha separato immediatamente questa donna dal suo neonato, la pietas dei vivi verso i defunti li ha ricongiunti in un abbraccio eterno.

Tra le braccia della madre. Evidenze antropologiche di morte al parto nella Ravenna del XVIII secolo.

MASOTTI, Sabrina;MELILLI, Vittoria;GUALDI, Emanuela
2017

Abstract

Scavi archeologici condotti nel 2013 nell’area circostante la Chiesa di S. Biagio a Ravenna hanno portato alla luce numerose sepolture riconducibili all’antico cimitero in uso dal XVII ai primi due decenni del XIX secolo. Il presente studio riguarda i resti scheletrici di un adulto e di un infante rinvenuti nell’unica sepoltura bisoma datata alle ultime fasi di utilizzo del luogo. L’analisi della posizione reciproca degli inumati indica senza ambiguità la stretta parentela che li legava: l’infante è stato deposto a fianco dell’adulto sotto il suo braccio protettivo. Le analisi antropologiche condotte in laboratorio hanno permesso di tracciare il profilo biologico degli inumati (identificazione del sesso, stima dell’età di morte e patologie), interpretandoli come i resti scheletrici di una madre e del suo neonato. In conclusione, se un parto con esito infausto ha separato immediatamente questa donna dal suo neonato, la pietas dei vivi verso i defunti li ha ricongiunti in un abbraccio eterno.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2374575
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact