Valorizzando la comune volontà dei coniugi/genitori per il doppio cognome della prole, la Corte Costituzionale ha finalmente ristabilito - nell’inerzia del legislatore – una lettura dell’ordinamento interno conforme ai principi costituzionali, dichiarando l'incostituzionalità della regola dell’imposizione ai figli del cognome paterno alla nascita. Ma resta ancora aperta la questione della “conformità” agli obblighi posti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e delle pronunce della Corte Edu, con particolare riguardo alla decisione Cusan e Fazzo c. Italia..

Sul cognome della prole: nel perdurante silenzio del legislatore parlano le Corti

FIORAVANTI, Cristiana
2017

Abstract

Valorizzando la comune volontà dei coniugi/genitori per il doppio cognome della prole, la Corte Costituzionale ha finalmente ristabilito - nell’inerzia del legislatore – una lettura dell’ordinamento interno conforme ai principi costituzionali, dichiarando l'incostituzionalità della regola dell’imposizione ai figli del cognome paterno alla nascita. Ma resta ancora aperta la questione della “conformità” agli obblighi posti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e delle pronunce della Corte Edu, con particolare riguardo alla decisione Cusan e Fazzo c. Italia..
Fioravanti, Cristiana
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NLCC_03_2017_626-FIORAVANTI (1).pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 331.27 kB
Formato Adobe PDF
331.27 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11392/2373185
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact