Peripezie del contraddittorio: dalla caduta fragorosa al muto declino