L’irripetibilità originaria degli atti e la c.d. lettura in aiuto della memoria sono entrambi istituti che – per quanto concettualmente assai diversi tra loro - consentono un sostanziale recupero dibattimentale degli atti formati durante le indagini preliminari. Ciò li rende particolarmente funzionali al fine di verificare il grado di effettiva attuazione dei valori alla base delle scelte compiute dal legislatore del 1988. Nel presente contributo l’autore analizza l’evoluzione interpretativa relativa alla determinazione della latitudine applicativa delle due fattispecie, giungendo ad individuare un intento comune che sembra aver animato il percorso della giurisprudenza.

Irripetibilità originaria degli atti e c.d. lettura in aiuto della memoria

NICOLICCHIA, Fabio
2015

Abstract

L’irripetibilità originaria degli atti e la c.d. lettura in aiuto della memoria sono entrambi istituti che – per quanto concettualmente assai diversi tra loro - consentono un sostanziale recupero dibattimentale degli atti formati durante le indagini preliminari. Ciò li rende particolarmente funzionali al fine di verificare il grado di effettiva attuazione dei valori alla base delle scelte compiute dal legislatore del 1988. Nel presente contributo l’autore analizza l’evoluzione interpretativa relativa alla determinazione della latitudine applicativa delle due fattispecie, giungendo ad individuare un intento comune che sembra aver animato il percorso della giurisprudenza.
Nicolicchia, Fabio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/2369346
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact