L’esito del referendum del 4 dicembre 2016 dimostra che gli italiani non chiedono nuovi modelli, ma pretendono però che quello esistente funzioni in modo fattivo, reale. I bisogni veri, la vita reale sono alla base delle trasformazioni in atto, sociali e culturali. Bisogna allora cheStato, Regioni e enti territoriali operino congiuntamente affinché l’insieme di valori che chiamiamo democrazia possa governare la crisi, e far sì che il XXI secolo non diventi invece lo scenario finale della crisi della democrazia.

La quiete dopo il referendum. Democrazia della crisi o crisi della democrazia?

GARDINI, Gianluca
2016

Abstract

L’esito del referendum del 4 dicembre 2016 dimostra che gli italiani non chiedono nuovi modelli, ma pretendono però che quello esistente funzioni in modo fattivo, reale. I bisogni veri, la vita reale sono alla base delle trasformazioni in atto, sociali e culturali. Bisogna allora cheStato, Regioni e enti territoriali operino congiuntamente affinché l’insieme di valori che chiamiamo democrazia possa governare la crisi, e far sì che il XXI secolo non diventi invece lo scenario finale della crisi della democrazia.
Gardini, Gianluca
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gardini 3_2016.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Full text (versione editoriale)
Licenza: PUBBLICO - Pubblico con Copyright
Dimensione 163.82 kB
Formato Adobe PDF
163.82 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/2368325
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact