Nel libro di Cesare Beccaria Dei delitti e delle pene il capitolo dedicato alla tortura, uno dei più famosi dell’intera opera, contiene un significativo richiamo al diritto romano: l’esperienza giuridica antica è utilizzata qui dall’autore per rafforzare i suoi argomenti contro la tortura. Nell’articolo si approfondisce l’uso che del diritto romano viene fatto dal Beccaria, soprattutto con riguardo al controverso rapporto tra tortura e ricerca della veritas nell’esperienza antica. In particolare, attraverso la lettura di alcune fonti (tra cui passi di D. 48.18 De quaestionibus), si intende dimostrare come tale rapporto appaia eccessivamente semplificato.

Cesare Beccaria, la tortura e i "romani legislatori"

SCHIAVO, Silvia
2016

Abstract

Nel libro di Cesare Beccaria Dei delitti e delle pene il capitolo dedicato alla tortura, uno dei più famosi dell’intera opera, contiene un significativo richiamo al diritto romano: l’esperienza giuridica antica è utilizzata qui dall’autore per rafforzare i suoi argomenti contro la tortura. Nell’articolo si approfondisce l’uso che del diritto romano viene fatto dal Beccaria, soprattutto con riguardo al controverso rapporto tra tortura e ricerca della veritas nell’esperienza antica. In particolare, attraverso la lettura di alcune fonti (tra cui passi di D. 48.18 De quaestionibus), si intende dimostrare come tale rapporto appaia eccessivamente semplificato.
Schiavo, Silvia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/2368004
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact