Il conte a Teatro. Carlo Ritorni "protoregista"?