Sovrapposizioni fra ordinamenti e ‘fantasia’ del legislatore in tema di segni di qualità