Nel maggio 2012, due terremoti di magnitudo moderata, seguiti da un importante sciame sismico, hanno coinvolto il settore orientale della Pianura Padana. In questa nota si vuole illustrare in modo sintetico il complesso sistema di strutture tettoniche che si trovano sotto i nostri piedi e che, nel loro insieme, costituiscono il prolungamento settentrionale dell’orogene appenninico attualmente sepolto e ‘nascosto’ dalle coltri alluvionali della Pianura Padana. Il settore più esterno di questa catena montuosa è rappresentato da un sistema di sovrascorrimenti disposti a geometria arcuata: il cosiddetto Arco Ferrarese. Gli eventi sismici del maggio 2012 ed alcuni dei maggiori terremoti storici che hanno colpito Ferrara nei secoli precedenti sono stati causati proprio dalla riattivazione di alcuni segmenti appartenenti a tale complesso sistema deformativo. Quando si verificherà il prossimo evento e dove esattamente non possiamo prevederlo con esattezza ma, visto il contesto tettonico e geodinamico, il fenomeno si ripeterà certamente nel futuro ed è pertanto opportuno fare prevenzione.

Il complesso sistema di sorgenti sismogeniche nell'area ferrarese e i loro effetti nella storia.

CAPUTO, Riccardo;TARABUSI, GABRIELE
2016

Abstract

Nel maggio 2012, due terremoti di magnitudo moderata, seguiti da un importante sciame sismico, hanno coinvolto il settore orientale della Pianura Padana. In questa nota si vuole illustrare in modo sintetico il complesso sistema di strutture tettoniche che si trovano sotto i nostri piedi e che, nel loro insieme, costituiscono il prolungamento settentrionale dell’orogene appenninico attualmente sepolto e ‘nascosto’ dalle coltri alluvionali della Pianura Padana. Il settore più esterno di questa catena montuosa è rappresentato da un sistema di sovrascorrimenti disposti a geometria arcuata: il cosiddetto Arco Ferrarese. Gli eventi sismici del maggio 2012 ed alcuni dei maggiori terremoti storici che hanno colpito Ferrara nei secoli precedenti sono stati causati proprio dalla riattivazione di alcuni segmenti appartenenti a tale complesso sistema deformativo. Quando si verificherà il prossimo evento e dove esattamente non possiamo prevederlo con esattezza ma, visto il contesto tettonico e geodinamico, il fenomeno si ripeterà certamente nel futuro ed è pertanto opportuno fare prevenzione.
Caputo, Riccardo; Tarabusi, Gabriele
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11392/2365376
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact